Giro dell'Etna - Sicilia nel Cuore.it

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Giro dell'Etna

Itinerari
Giro dell'Etna

Percorrenza 130 Km - Durata 1 giorno.

Inoltrarsi presso la strada che conduce a Paternò. La vasta mole dell'Etna riempie quasi interamente il paesaggio a Nord-Est. A circa metà percorso è possibile ed anche molto interessante raggiungere il centro abitato di Belpasso per poter ammirare le sue antiche chiese e i suoi bellissimi palazzi in stile barocco. Come si potrà notare la città è strutturata "a griglia", struttura rifacentesi molto alle città ideali del '600, tale struttura fu voluta e fatta applicare dal viceré spagnolo.
Appena usciti dalla città di Belpasso, si ripercorrerà nello scorrimento veloce la Catania-Paternò, ove giungerete a
Paternò, sviluppato centro agricolo e commerciale.
Molto interessante e bello da visitare troviamo il
Castello Normanno situato in una sopraelevazione basaltica, e la chiesa di Santa Maria della Valle di Giosafat risalente al XI° sec. arricchita di un portale gotico, ma di origine normanna.
Uscendo da Paternò e proseguendo affiancando l'Etna, non appena a 20 minuti giungeremo presso
Adrano, anch'esso prosperoso centro agricolo. Potrete ammirare il castello Normanno, con il torrione fatto realizzare da Ruggero I° nel XI° sec.
Percorrendo per circa 10 minuti la strada che porta verso Bronte
giungeremo dentro il centro abitato. A differenza dei paesi precedentemente percorsi, Bronte ha una sua omogeneità, è ricca di un bel centro storico ma anche di quartieri moderni ben distinti, inoltre è possibile accedere in una delle numerose pasticcerie per poter gustare i deliziosi e famosissimi dolci tipici al pistacchio. Molto bello da visitare è il collegio Capizzi, dallo stile neoclassico risalente al XVIII° sec., e la chiesa della Trinità in stile tardo-rinascimentale.
Realizzata nel XVI° sec. Immettendosi in strada a soli 15 minuti circa da Bronte giungeremo presso il
Castello Nelson.
Anticamente era un loco romano, negli anni avvenire fu costruita un'abbazia benedettina, chiamata
Abbazia di Maniace. Nel XVIII° sec. Suddetta abbazia fu donata all' ammiraglio Nelson insieme alla ducea di Bronte. All'interno troverete una meravigliosa chiesa medioevale e un ampio parco rigolioso ove sarà possibile sostare per pranzare.
A circa una ventina di minuti dalla cittadina troveremo un dei paese più considerevoli della fascia settentrionale dell'Etna:
Randazzo, che fu un punto strategico per tutta la durata del medioevo, grazie alla sua posizione che domina il fiume Alcantara.
Da lì si percorreva la Via Regia, via che conduceva il Re e la sua corte, tramite terra,da oriente ad occidente. Per quanto ci risulta dalle fonti storiche ancora oggi esiste, immersa tra le coltivazioni una parte di questa famosissima strada in terra battuta con una larghezza circa di 15 metri. Inoltrandoci nel centro de paese avremmo quasi l'impressione di essere entrati in una fortezza, perché tutta la città è cinta da grosse mura, costruite per volere di Carlo V. Dopo aver oltrepassato la porta del paese ci ritroveremo nella strada principale di Randazzo lungo la quale sarà molto interessante visitare la Chiesa di Santa Maria, di origine normanna, arricchita di portali cinquecenteschi risalenti allo stile catalano. Percorrendo sempre il tragitto della strada principale troveremo la chiesa di San Martino con stile rinascimentale costruita nell '500. Successivamente si potrà anche ammirare la chiesa di S. Nicolò anche essa edificata nel '500 ma che fu quasi del tutto ricostruita nel '600.
Un'altra la famosa via da ammirare per i suoi numerosi palazzi è sicuramente via Umberto I°, la diversità degli stili(
medioevale e aragonese) dei vari monumenti la rende interessante per un confronto architettonico. Tra i piu' caratteristici riscontreremo, il palazzo reale risalente al XIII° sec..
Uscendo da Randazzo e percorrendo lungo la parete settentrionale dell'Etna ci inoltreremo verso i paesi di
Solicchiata, famosi per la produzione di vino.
Appena giunti nel il paese di
Linguaglossa proprio in prossimità dell'etna potremo visitare la grande piazza principale e conosciutissima per il museo della lava situato presso la Pro Loco che come potrete constatare, da diversi anni raccoglie le innumerevoli testimonianze faunistiche dell'Etna.
Lasciando il paese di Linguaglossa, spostandosi verso la costa giungeremo presso il paese di
Piedimonte Etneo, ricchissimo di palazzi settecenteschi con svariate sfaccettature architettoniche, situati nella via principale. Dopo aver visitato la cittadina sarà possibile scendere e immettersi lungo l'autostrada che ci dirigerà nuovamente verso Catania.







Colonna libera
per pubblicità
 
Torna ai contenuti | Torna al menu