La megghiu amanti mia - di Nino Martoglio - Sicilia nel Cuore

Logo con testo
Vai ai contenuti
Origini del gelato
La tradizione Siciliana del gelato nasce dall'antica usanza araba di preparare lo "scherbet" (in arabo “dolce neve”) che consisteva nel consumo di ghiaccio tritato a neve condito con succhi di frutta o latte. Questa tradizione, sviluppatesi inizialmente nel catanese dove, al posto del ghiaccio tritato, veniva utilizzata la neve dell’Etna
Pubblicato da - 23/6/2021
La Ducea inglese di Sicilia
L'Abbazia di Santa Maria di Maniace (chiamata anche Ducea di Nelson, Castello di Nelson e Ducea di Maniace) si trova al confine fra i comuni di Bronte e Maniace, in provincia di Catania. Fu fondata dalla regina Margherita di Navarra nel XII° secolo. Verrà donata insieme al feudo nel 1799 da Ferdinando di Borbone all'ammiraglio
Pubblicato da - 18/3/2021
L'isola che non c'è
L'isola Ferdinantea, nota anche come "Graham island" in inglese e "île Julia" in francese, è esistita davvero ed ancora oggi è una piattaforma rocciosa di circa 30 mq situata a circa 6,9 metri sotto il livello del mare, formatasi nel Canale di Sicilia, tra Sciacca e l'isola di Pantelleria, durante una breve eruzione
Pubblicato da - 18/3/2021
Ultimi articoli

La megghiu amanti mia - di Nino Martoglio

Arte e Cultura > Poesie
Mamma, ‘stu cori   miu lazzariatu
pri ‘nganni e tradimenti e pri scunforti,
st’amaru e afflittu cori, cunsacratu
lu vogghiu sulu a Tia, finu a la morti.

Chiù di ‘na bedda mi l’ha fracassatu
a corpu di cuteddu, forti forti,
ora l’affidu a Tia, pirch’è malatu,
pirchi a Tia sula premi la me’ sorti.

A Tia, ca sì la megghiu amanti mia,
la vera amanti, china di ducizzi,
senza capricci, tutta puisia,
a Tia ca non mi vinni li carizzi,
ca m’ami pri daveru, Mamma, a Tia,
ca sì custanti e non hai fintizzi.
Mamma, questo cuore mio lacerato
per inganni e tradimenti e per sconforti,
quest'amaro e afllitto cuore, consacrato
lo voglio dare solo a Te, fino alla morte.

Più di una bella me l'ha fracassato
a colpi di coltello, forte forte,
ora l'affido a Te, perchè malato,
perchè a Te sola preme la mia sorte.

A Te, che sei la migliore amante mia,
la vera amanti, piena di dolcezze,
senza capricci, tutta poesia,
a Te che non mi vendi le carezze,
che mi ami davvero, Mamma, a Te,
che sei costante e non hai falsità.
Logo con testo
© www.sicilianelcuore.it - 2010 | Tutti i diritti sono riservati.
Seguici sui social network:
Facebook
Twiter
Instagram
Torna ai contenuti