Putissi - di Francesco Guglielmino - Sicilia nel Cuore

Logo con testo
Vai ai contenuti
Origini del gelato
La tradizione Siciliana del gelato nasce dall'antica usanza araba di preparare lo "scherbet" (in arabo “dolce neve”) che consisteva nel consumo di ghiaccio tritato a neve condito con succhi di frutta o latte. Questa tradizione, sviluppatesi inizialmente nel catanese dove, al posto del ghiaccio tritato, veniva utilizzata la neve dell’Etna
Pubblicato da - 23/6/2021
La Ducea inglese di Sicilia
L'Abbazia di Santa Maria di Maniace (chiamata anche Ducea di Nelson, Castello di Nelson e Ducea di Maniace) si trova al confine fra i comuni di Bronte e Maniace, in provincia di Catania. Fu fondata dalla regina Margherita di Navarra nel XII° secolo. Verrà donata insieme al feudo nel 1799 da Ferdinando di Borbone all'ammiraglio
Pubblicato da - 18/3/2021
L'isola che non c'è
L'isola Ferdinantea, nota anche come "Graham island" in inglese e "île Julia" in francese, è esistita davvero ed ancora oggi è una piattaforma rocciosa di circa 30 mq situata a circa 6,9 metri sotto il livello del mare, formatasi nel Canale di Sicilia, tra Sciacca e l'isola di Pantelleria, durante una breve eruzione
Pubblicato da - 18/3/2021
Ultimi articoli

Putissi - di Francesco Guglielmino

Arte e Cultura > Poesie
Putissi pri   miraculu divinu
turnari comu quannu era carusu,
quannu pri mia la vita era n'giardinu,
menzu apertu e menzu chiusu!

Turnari cu li sensi di 'na vota,
cu ddi limpidi occhi ancora puri,
e cu la fantasia libera e sciota
vìdiri cosi belli a tutti l'uri!

Ma lu giardinu addivintò 'na sciara
d'ardichi 'nfrattinata e di ruvetti,
si ci crisci 'na ciura è troppu rara,
e si la cogghi poi non ti diletti.

'Ntra sta sciara furrìu comu 'n'aceddu
cu l'ali rutti ca non pò vulari,
e ccà 'ntra carammuni e spicuneddu
lassu li pinni ca mi sù chiù cari.
Potessi per miracolo divino
tornare come quando ero ragazzo,
quando per me la vita era un giardino,
mezzo aperto e mezzo chiuso!

Tornare con i sensi di una volta,
con quei limpidi occhi ancora puri,
e con la fantasia libera e sciolta
vedere cose belle a tutte le ore!

Ma il giardino è diventato una sciara
di ortiche circondata e di rovi,
se ci crescono fiori è una cosa rara,
e se li cogli poi non ti diletti.

In questa sciara giro come un uccello
con le ali rotte che non può volare,
e qua tra erbacce e spighe
lascio le penne che mi sono più care.
Logo con testo
© www.sicilianelcuore.it - 2010 | Tutti i diritti sono riservati.
Seguici sui social network:
Facebook
Twiter
Instagram
Torna ai contenuti