Sparato a scanciu - di Giuseppe Castiglia - Sicilia nel Cuore

Logo con testo
Vai ai contenuti
Origini del gelato
La tradizione Siciliana del gelato nasce dall'antica usanza araba di preparare lo "scherbet" (in arabo “dolce neve”) che consisteva nel consumo di ghiaccio tritato a neve condito con succhi di frutta o latte. Questa tradizione, sviluppatesi inizialmente nel catanese dove, al posto del ghiaccio tritato, veniva utilizzata la neve dell’Etna
Pubblicato da - 23/6/2021
La Ducea inglese di Sicilia
L'Abbazia di Santa Maria di Maniace (chiamata anche Ducea di Nelson, Castello di Nelson e Ducea di Maniace) si trova al confine fra i comuni di Bronte e Maniace, in provincia di Catania. Fu fondata dalla regina Margherita di Navarra nel XII° secolo. Verrà donata insieme al feudo nel 1799 da Ferdinando di Borbone all'ammiraglio
Pubblicato da - 18/3/2021
L'isola che non c'è
L'isola Ferdinantea, nota anche come "Graham island" in inglese e "île Julia" in francese, è esistita davvero ed ancora oggi è una piattaforma rocciosa di circa 30 mq situata a circa 6,9 metri sotto il livello del mare, formatasi nel Canale di Sicilia, tra Sciacca e l'isola di Pantelleria, durante una breve eruzione
Pubblicato da - 18/3/2021
Ultimi articoli

Sparato a scanciu - di Giuseppe Castiglia

Arte e Cultura > Poesie
Certu si a vita è strana, a morti cchiossai ancora!
Parru ccu cognizioni di mortu di ora ora,
ora, mancu mezz'ura, ca ancora non ci cridu,
pruvai u sapuri amaru di l'ultimu respiru.

La mia non è prutesta e mancu contestazione,
ma chiddu ca non mi cala è tutta la situazioni.
U nasciri ppi sbagghiu non è tantu piccatu
quantu lu vili affruntu di moriri ammazzatu!

S'iddu mu miritava poi, non c'hava statu nenti,
ma no sparatu a scanciu 'o postu di 'n dilinquenti!
Sicuru, sparatu a scanciu! chi sorta di sfurtuna,
finiri li mé jorna cc'a morti cchiù 'nfamuna.

'Na vita di travagghiu rinunzii e sacrifici,
l'unicu passatempu i carti e quattru amici.
Parrannu di saluti poi mancu 'na malatia,
forsi quann'era nicu, morbillu e rosolia.

Perciò non mi capacitu di sta gran fregatura,
era troppu sicuru ca ancora non era ura!
Basta! ormai è fatta, non ni parramu cchiù.
Si aviti pacienza vi cuntu comu fu.

Sirata d'allegria festa di S. Martinu
'na manu di trissetti sasizza, castagni e vinu,
vinu ca cala rittu speci quann'è nuveddu,
tantu ni nni vivemu ca erumu a liveddu.

" Fazzu l'ultimu brinnisi ppi tradizioni antica,"
e dopu m'arricogghiu, ca dumani c'è a "fatica"
Salutu i me cumpagni mi chiuru a giacchitedda
e p'accuzzari strata 'nficcu di na vanedda.

'Na notti fridda e scura, u cielu senza luna
arrancu ppi spicciarimi quannu tuttu 'ntutt'una,
mi sentu assicutatu 'na vuci arredi e spaddi
mi dici " unni scappi ?" e spara quattru baddi.

Di intra 'ntisi 'nfocu a tipu 'na vampata,
vutai a panza all'aria cascai 'mmenzu a strata,
attornu 'ntempu nenti si cumminau 'nfangu
'na speci di pantanu di terra, vinu e sangu.

Non è 'na sensazioni ca unu a pò spiegari
comu v'ù pozzu diri ? l'avissuru a pruvari!
'Ntrunatu ppi com'era capii sulu ca chiddu,
mi taliau cchiù megghiu e dissi "non è iddu!"

Non sulu fici u dannu, stu gran cosa fitusa,
spatti si nni scappau e mancu mi dissi "scusa".
Turnatu lu silenziu s'arricugghenu genti,
non sacciu mancu su c'erunu l'amici e li mé parenti.

"Chi fù?, cu è ?", "mischinu, successi u quarantottu"
"chiamati 'nambulanza" "megghiu a carrozza 'e mottu"
Ognunu ca 'ncugnava mi dava a sò sintenza
"cu sà chi cumminau!" "u sapi a sò cuscienza".

"Mi pari a canuscillu, chi era do quarteri ?"
"s'ammazzunu 'ntra iddi unu menu peri peri !"
Ppi l'opinioni pubblica stu tipu di reatu
è curpa cchiù do mortu ca di cu l'ha 'mmazzatu!

Mi ficiru cripari ca raggia ammenzu i denti
comu ci l'avia a diri ca ju non c'intrava nenti?.
Li forzi a ddu mumentu mi vinniru a mancari
e a usu do vaccareddu mi 'ntisi arrisucari.

l'anima dintra lu corpu mi scuppulavu pi fora
e m'arrusbigghiai cunfusu unni m'attrovu ora.
'Na speci di malazzeni, c'è genti di tuttu u munnu,
vecchi, picciotti, addevi c'aspettunu u sò turnu.

Cu è cca ppi malatia, cu è ppi 'n'incidenti
'na fudda d'impazziri non si capisci nenti
dumannu informazioni a unu o latu 'i mia
mi parsi di capiri ca morsi di anemia.

E' cca di stamatina e 'ntisi di precisu
ca chiddi comu a mia non vanu 'nparadisu.
Ma viditi chi disdetta!!! chi sugnu scalugnatu
non sulu ci fu sbagghiu, curnutu e vastuniatu!!!

Ma u sapiti chi vi dicu? si chistu è me distinu,
m'ammucciu 'nta 'nagnuni e aspettu l'assassinu,
ca tantu prima o poi u chiama u Patri Eternu,
U pigghiu 'i contraforzu e m'ù trascinu 'o 'nfernu!
Certo si la vita è strana, la morte ancor di più
parlo con cognizione di morto di ora ora,
ora, neanche mezz'ora, che ancora non ci credo,
ho provato il sapore amaro dell'ultimo respiro.

La mia non è protesta e neanche contestazione,
ma quello che non mi va giù è tutta la situazione.
Il nascere per sbaglio non è un peccato,
quanto il vile affronto di essere ammazzato!

Se lo meritavo poi, non era successo niente,
ma no sparato per sbaglio al posto di un delinquente!
Sicuro, sparato per sbaglio! che sorta di sfortuna,
finire i miei giorni con la morte più infamante.

Una vita di lavoro, rinunce e sacrifici,
l'unico passatempo le carte e quattro amici.
Parlando di salute poi, neanche una malattia,
forse quand'ero piccolo, morbillo e rosolia.

Perciò non mi capacito di questa grande fregatura
ero troppo sicuro che ancora non era la mia ora!
Basta! ormai è fatta, non ne parliamo più.
Se avete pazienza vi racconto come fu.

Serata d'allegria festa di San Martino
una mano di tressette, salsiccia, castagne e vino,
vino che va giù dritto specie quando è novello
tantu ne abbiamo bevuto che eravamo brilli.

"Faccio l'ultimo brindisi, per tradizione antica",
e dopo rientro, che domani c'è il lavoro"
Saluto i miei compagni mi chiudo la giacchetta
e per abbreviare la strada entro in un vicolo.

Una notte fredda e buia, il cielo senza luna
cammino svelto per sbrigarmi quando all'improvviso,
mi sentu inseguito una voce dietro le spalle
mi dice "dove scappi ?" e spara quattro palle.

Dentro sentii un fuoco come una vampata,
girai a pancia in aria caddi in mezzo alla strada,
attorno in pochi istanti si combinò un fango
una specie di pantano di terra, vino e sangue.

Non è una sensazione che uno può spiegare
come vi posso dire ? la dovreste provare!
Intontito per com'ero capii solo che quello,
mi guardò meglio e disse "non è lui!".

Non solo fece il danno, questo gran "cosa fitusa"
per giunta se ne scappò e neanche mi disse "scusa".
Tornato il silenzio arrivarono persone,
non sò neanche se ci fossero amici e i miei parenti.

"Cos'è stato?, chi è?","poveretto, è successo il quarantotto"
"chiamate un'autombulanza", " meglio il carro funebre"
Ognuno che si avvicinava mi dava la sua sentenza
"chissà cosa ha combinato" " lo sà la sua coscienza"

"Mi sembra di conoscerlo, era del quartiere ?"
"si ammazzano tra di loro uno meno in giro!"
Per l'opinione pubblica questo tipo di reato
è colpa più del morto che di chi l'ha ammazzato!

Mi fecero crepare con la rabbia in mezzo ai denti
come potevo dirlo che io non c'entravo niente?
Le forze in quel momento mi vennero a mancare
e come una lumaca mi sentii risucchiare.

L'anima dentro il corpo volò di fuori
e mi svegliai confuso dove mi trovo ora.
Una specie di magazzino, c'è gente di tutto il mondo,
vecchi, giovani, neonati che aspettano il loro turno.

Chi è qua per malattia, chi è per un incidente
una folla da impazzire non si capisce niente
domando informazioni a uno vicino a me
mi è sembrato di capire che morì di anemia.

E' qua da stamattina e ha sentito di preciso
che quelli come me non vanno in paradiso.
Ma vedete che disdetta!!! come sono scalognato
non solo c'è stato uno sbaglio, cornuto e bastonato!!!

Ma sapete cosa vi dico? se questo è il mio destino,
mi nascondo in un angolo e aspetto l'assassino,
perchè tanto prima o poi lo chiama il Padre Eterno,
Lo prendo con la forza e me lo trascino all'inferno!
Logo con testo
© www.sicilianelcuore.it - 2010 | Tutti i diritti sono riservati.
Seguici sui social network:
Facebook
Twiter
Instagram
Torna ai contenuti